Preghiere per il Lunedì dell’Angelo

Questo post è stato letto 123 volte

Risurrezione di Gesù - Tempo di preghiera

In questo giorno, il Lunedì dell’Angelo, a Maria Maddalena viene annunciata una verità sconcertante: Gesù è risorto, non è qui! Non dovremo cercare più tra i morti Gesù, tra le cose di questo mondo. Quando avremo capito davvero che Gesù è risorto per noi, potremo davvero alzare gli occhi al Cielo da figli redenti di Dio, redenti per la sua Passione.

Ti voglio ripetere, oggi, mio Signore, le stese parole che altri ti hanno già detto.
Le parole di Maria di Magdala, la donna assetata di amore, non rassegnata alla morte.
E ti chiese, mentre non riusciva a vederti, perchè gli occhi non possono vedere ciò che il cuore veramente ama, dove tu fossi. Dio si può amare, non si può vedere.
E ti chiese, credendoti il giardiniere, dove eri stato messo.
A tutti i giardinieri della vita, che è sempre giardino di Dio, anch’io vorrei chiedere dove hanno messo l’Amato Dio, crocifisso per amore.
Vorrei anche ripeterti le parole della pastora bruna, quella del Cantico dei Cantici riscaldata o bruciata dal tuo amore, perchè il tuo amore riscalda e brucia e guarisce e trasforma, e lei ti disse, mentre non ti vedeva ma ti amava e ti sentiva accanto: “Dimmi dove conduci il tuo gregge a pascolare e dove tu riposi nel momento del grande caldo”.
Io so dove tu conduci il tuo gregge.
Io so dove tu vai a riposarti nel momento del grande caldo.
Io so che tu mi hai chiamato, eletto, giustificato, gratificato.
Ma coltivo il desiderio sincero di venirti accanto calpestando le tue orme, amando il tuo silenzio, cercandoti quando è buoi o infuria la tempesta.
Non lasciarmi barcollare sulle onde del mare. Potrei affondare totalmente.
Vorrei gridare anch’io con Maria di Magdala:
“Cristo, mia speranza è risorto. Ci precede nella Galilea delle genti”
E verrò da te, correndo, per vederti e dirti: “Mio Signore, mio Dio”.


Alla vittima pasquale, s’innalzi oggi il sacrificio di lode. 
L’agnello ha redento il suo gregge, 
l’Innocente ha riconciliato noi peccatori col Padre. 
Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello. 
Il Signore della vita era morto; ma ora, vivo, trionfa. 
“Raccontaci, Maria: che hai visto sulla via?”. 
“La tomba del Cristo vivente, la gloria del Cristo risorto, 
e gli angeli suoi testimoni, il sudario e le sue vesti. 
Cristo, mia speranza, è risorto; e vi precede in Galilea”. 
Sì, ne siamo certi: Cristo è davvero risorto. 
Tu, Re vittorioso, portaci la tua salvezza. 


Donaci, o Signore,
di cominciare una vita nuova
nel segno della risurrezione del tuo Figlio.
Fa’ che non ascoltiamo noi stessi,
i nostri sentimenti,
le nostre abitudini, le nostre paure,
ma che ci lasciamo invadere
da quella pienezza di Spirito,
dono della Pasqua,
che diffondi nella risurrezione del tuo Figlio,
nel battesimo, nell’eucaristia
e nel sacramento della riconciliazione.
Siamo certi del tuo amore;
crediamo la tua salvezza.
Amen. Alleluja.


Signore, che nessun nuovo mattino
venga ad illuminare la mia vita
senza che il mio pensiero
si volga alla tua resurrezione
e senza che in spirito io vada,
con i miei poveri aromi,
verso il sepolcro vuoto dell’orto!
Che ogni mattino sia, per me,
mattino di Pasqua!
E che ogni giorno, ogni risveglio,
con la gioia della Pasqua,
mi giunga anche la conversione profonda,
quella che sappia, in ogni situazione
e in ogni persona, conoscerti
come vuoi essere conosciuto oggi.
Che ogni episodio della giornata
sia un momento in cui io ti senta
chiamarmi per nome,
come chiamasti Maria!
Concedimi, allora, di voltarmi verso di te.
Concedimi di rispondere con una parola,
dirti una parola sola, ma con tutto il cuore:
«Maestro mio!»

Questo post è stato letto 123 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *