V Domenica di Pasqua – Anno B

Questo post è stato letto 1774 volte

V Domenica di Pasqua – Anno B

LETTURE: At 9,26-31; Sal 21; 1 Gv 3,18-24; Gv 15,1-8

 

Indicazioni Liturgiche

Gesù è la via per ogni persona che si affida a lui perché è il canale at­traverso il quale giunge a noi la vita di Dio. Gesù è anche la verità, perché costituisce l’autentica possibilità di conoscere Dio, è la rivelazione definitiva del Padre. Gesù è, infine, la vita in quanto in lui trova senso e pienezza la nostra esistenza. Il messaggio di questa Domenica sta nel presen­tare il valore della relazione che la fede cristiana è: non un atto forma­le, ma una immersione nel mistero di Gesù Cristo.

Condizione essenziale per continuare la missione di Cristo è crescere compatti attorno a lui come “pietre vive” (Seconda Lettura) e «compiere le sue opere» (Vangelo). Di ciò abbiamo una conferma nella vita e nella catechesi della Comunità primitiva, quali vengono presentate nella Prima e nella Seconda Lettura. Sullo sfondo della elezione dei sette “diaconi” si profila una situazione di contrasto fra cristiani appartenenti a due gruppi diversi per mentalità, lingua, tradizioni, cultura; si avverte la presenza di forze e tendenze diverse che già si delineavano in seno alla Chiesa delle origini. La soluzione di queste tensioni viene cercata in una linea di equilibrio e di riorganizzazione della Chiesa, per un più efficace servizio dei fratelli: la Comunità, mentre cresce per il moltiplicarsi del “numero dei discepoli”, incomincia anche, sotto la guida dello Spirito, a differenziarsi in ministeri diversi. Tutti sono pietre vive impiegate per la costruzione del medesimo edificio spirituale.

Si ricordino oggi i diversi ministeri istituiti presenti in parrocchia e i mille servizi che vengono svolti nelle varie attività: caritative, sociali, di catechesi, per i sofferenti e i poveri… Si ricordi e si renda visibile che l’Eucaristia è modello di Chiesa, edificio spirituale organicamente costituito con il servizio di molti (cfr. Didaché).

PROPOSTA CANTI

Introito:

– Cantate al Signore. Alleluia (O Luce radiosa)

– Chiesa del Risorto (O Luce radiosa)

– Popolo regale (Un solo Signore)

 

Aspersione:

– Ecco l’acqua (O notte gloriosa)

– O Fonte di vita (Pasqua)

– Ecco l’acqua (G. Liberto)

– Ecco l’acqua che dona la vita (Veglia pasquale)

 

Presentazione dei doni

– Mostraci il tuo volto (Tempo di grazia)

– Fa’ splendere la fede (A. Ortolano)

– O Signore, raccogli i tuoi figli (Nella casa del Padre)

 

Comunione

– O Gesù maestro (G. Alberione, F. Schermidori)

– Ci nutri alla tua mensa (Esulta il cielo)

– Nella tua presenza (La tua dimora)

 

Finale

– Figli di Dio (A. Ortolano)

– Regina Caeli (Anonimo XVIII Secolo)

Questo post è stato letto 1774 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *