Preghiera a San Giovanni di Dio

Questo post è stato letto 4074 volte

S. Giovanni di Dio - Tempo di preghiera

Ai vostri piedi prostrato, o gran padre degli infermi,
vengo oggi per impetrare da voi che siete dispensatore di celesti tesori,
la grazia della cristiana rassegnazione, e la guarigione dei mal
che travagliano il corpo e l’anima mia.

O medico celeste, deh! non sdegnate di venire in mio soccorso,
ricordandovi i prodigi di carità operati nei giorni della vostra mortale
carriera a beneficio dell’umanità sofferente.

Siate voi il balsamo salutare che lenisca i dolori del corpo:
voi il freno potente che trattenga l’anima da fatali traviamenti:
voi il conforto, la luce, la guida nell’aspro sentiero
che porta alla salute eterna.

Soprattutto, o padre mio amorosissimo, ottenetemi la grazia
di un sincero pentimento dei miei peccati, affinchè possa,
quando a Dio piacerà, venire a benedirvi e ringraziarvi
nel Santo paradiso. Così sia.


O Padre dei poveri e degli infermi, S. Giovanni di Dio, che voleste in vita condividere le miserie, i travagli e le infermità altrui, deh! essendo ora unito in eterno al vostro divino amore Crocifisso, che serviste ed abbracciaste quaggiù nei poveri infermi, dirigete sopra di noi, dal Cielo, un raggio di quella luce che vi fa beato; sovveniteci nelle angustie e nelle malattie della vita, assisteteci al letto dei nostri estremi dolori ed impetrateci da Dio la grazia di goderlo eternamente con voi. Cosi sia.


Signore Gesù che facendoti uomo,
hai voluto condividere le nostre sofferenze,
ti supplico, per l’intercessione di Giovanni di Dio
di aiutarmi a superare questo difficile momento della mia vita.

Come un giorno hai dimostrato
una particolare predilezione verso i malati,
così ora rivela anche a me la tua bontà.

Ravviva la mia fede nella tua presenza
e dona a quanti mi assistono
la delicatezza del tuo amore.


O Signore, che in san Giovanni di Dio hai fatto risplendere la tua misericordia verso i poveri e i malati, concedimi di esprimere con le opere della mia vita la sua stessa carità, per essere accolto tra gli eletti nel tuo regno. Te lo chiedo per Cristo nostro Signore. Amen.


L’amore santo al prossimo consumò negli
ospedali la vita di questo tuo gran Servo, deh!
Signore, noi
abbiamo bisogno di essere guariti
dalle nostre molte malattie
spirituali e preservati dalle corporali.

Mediolani, die 19 Novembris 1898. Impr.: P. Carolus Nardi, Pio Vic. Gen.


O Signore, tu che il nostro beato padre Giovanni acceso del
tuo grande amore l’hai fatto camminare illeso tra le fiamme e
per lui hai resa feconda la santa Chiesa di un nuovo Ordine;
concedici, che a motivo dei tuoi meriti e preghiere, il tuo
amore ci renda salvi dai vizi e otteniamo rimedi eterni.
Per i meriti di Gesù Cristo Signor nostro. Amen.

IMPRIMATUR in Curia Arch. Mediolani Can. Joannes Rossi Vic. Gen.


O Giovanni che sei di Dio
Tutto santo e tutto pio
Per la tua gran carità
Mostra a noi la tua bontà.

La tua pietà benefica
A me rivolgi ancora
E sul letto del dolore
Siami Tu il consolator.

O Giovanni che sei di Dio
Tutto santo e tutto pio
Per la tua gran carità
Mostra a noi la tua bontà.

Ma che potrò mai renderti
Per tanti tuoi favori
Poiché non v’ha mercé
Che degna sia di Te.

O Giovanni che sei di Dio
Tutto santo e tutto pio
Per la tua gran carità
Mostra a noi la tua bontà.

Deh! accogli i miei sospiri
E le fervido mie preci
E benigno al mio dire
Muoviti ad esaudir.

O Giovanni che sei di Dio
Tutto santo e tutto pio
Per la tua gran carità
Mostra a noi la tua bontà.



Per riflettere

Dalle «Lettere» di San Giovanni di Dio
Cristo è fedele e a tutto provvede


Se guardassimo alla misericordia di Dio, non cesseremo mai di fare il bene tutte le volte che se ne offre la possibilità. Infatti quando, per amor di Dio, passiamo ai poveri ciò che egli stesso ha dato a noi, ci promette il centuplo nella beatitudine eterna. O felice guadagno, o beato acquisto! Chi non donerà a quest’ottimo mercante ciò che possiede, quando cura il nostro interesse e ci supplica a braccia aperte di convertirci a lui e di piangere i nostri peccati e di metterci al servizio della carità, prima verso di noi e poi verso il prossimo? Infatti come l’acqua estingue il fuoco, così la carità cancella il peccato (cfr. Sir 3, 29).
Vengono qui tanti poveri, che io molto spesso mi meraviglio in che modo possano esser mantenuti. Ma Gesù Cristo provvede a tutto e tutti sfama.

Questo post è stato letto 4074 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *