Preghiera alla Madonna di Czestochowa

Questo post è stato letto 99 volte

Madonna Czestochowa - Tempo di preghiera

La preghiera alla Madonna di Czestochowa
si recita il 26 Agosto
a conclusione della novena

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Vergine santissima di Czestochowa,
Regina della Polonia a te sale la nostra preghiera confidente,
che un dì deponemmo davanti a Te,
rinnovando la consacrazione del nostro umile servizio nella Santa Chiesa. Accogli le aspirazioni di tutti questi tuoi figli,
che sempre hai riguardati con tenerezza materna come tua eredità:
essi sono tuoi, e tuoi vogliono essere.
Accompagnali nel quotidiano cammino,
e sii la loro stella, la loro forza invitta, il loro premio celeste.
Amen, amen. 

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERA alla Madonna di Czestochowa di Papa Giovanni XXIII


OPPURE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Chiaromontana Madre della Chiesa,

con i cori degli angeli e i nostri santi patroni,

umilmente ci prostriamo di fronte al Tuo trono.

Da secoli Tu risplendi di miracoli e di grazie qui a

Jasna Gòra, sede della Tua infinita misericordia.

Guarda i nostri cuori che ti presentano l’omaggio

di venerazione e di amore.

Risveglia dentro di noi il desiderio della santità;

formaci veri apostoli di fede;

rafforza il nostro amore verso la Chiesa.

Ottienici questa grazia che tanto desideriamo:

(esporre la grazia)

O Madre dal volto sfregiato,

nelle Tue mani pongo me stesso e tutti i miei cari.

In Te confido, sicuro della Tua intercessione presso il Tuo figlio,

a gloria della Santissima Trinità.

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

Il Santuario di Częstochowa è uno dei più importanti centri di culto cattolico.

Il santuario si trova in Polonia, sui pendii del monte Jasna Góra (Monte chiaro, luminoso): qui è conservata l’icona della Madonna di Częstochowa (Madonna Nera).

La tradizione vuole che sia stata dipinta da san Luca e che, essendo contemporaneo alla Madonna, ne abbia dipinto il vero volto. Secondo i critici d’arte il Quadro di Jasna Gòra sarebbe stato in origine un’icona bizantina, del genere “Odigitria” (“Colei che indica e guida lungo la strada”), databile tra il VI e il IX secolo. Dipinta su una tavola di legno, raffigura il busto della Vergine con Gesù in braccio. Il volto di Maria domina tutto il quadro, con l’effetto che chi lo guarda si trova immerso nello sguardo di Maria. Anche il volto del Bambino è rivolto al pellegrino, ma non il suo sguardo, risulta in qualche modo fisso altrove. Gesù, vestito di una tunica scarlatta, riposa sul braccio sinistro della Madre. La mano sinistra tiene il libro, la destra è sollevata in gesto di sovranità e benedizione. La mano destra della Madonna sembra indicare il Bambino. Sulla fronte di Maria è raffigurata una stella a sei punte. Attorno ai volti della Madonna e di Gesù risaltano le aureole, la cui luminosità contrasta con l’incarnato dei loro visi. La guancia destra della Madonna è segnata da due sfregi paralleli e da un terzo che li attraversa; il collo presenta altre sei scalfitture, due delle quali visibili, quattro appena percettibili. 

Questi segni sono presenti perchè nel 1430 alcuni seguaci dell’eretico Hus,durante le guerre degli Ussiti, attaccarono e predarono il convento. 

Il quadro fu strappato dall’altare e portato fuori dinanzi alla cappella, tagliato con la sciabola in più parti e la sacra icona trapassata da una spada. Gravemente danneggiato, fu perciò trasferito nella sede municipale di Cracovia e  sottoposto ad un intervento del tutto eccezionale per quei tempi, in cui l’arte del restauro era ancora agli inizi. Ecco allora come si spiega che ancora oggi siano visibili nel quadro della Madonna Nera gli sfregi arrecati al volto della Santa Vergine.

Fin dal medioevo da tutta la Polonia si svolge il Pellegrinaggio a piedi verso il Santuario di Częstochowa che si snoda da Giugno a Settembre, ma normalmente il periodo scelto è quello attorno a ferragosto. Il Pellegrinaggio a piedi dura diversi giorni ed i pellegrini percorrono anche centinaia di chilometri lungo oltre 50 percorsi da tutta la Polonia, il più lungo dei quali è di 600 km. 

Questo pellegrinaggio è stato fatto anche da Karol Wojtyła (Giovanni Paolo II) nel 1936 partendo da Cracovia. 

Questo post è stato letto 99 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *