XXIV Domenica T.O – Anno C

Questo post è stato letto 911 volte

LETTURE: Es 32, 7-11. 13-14; Sal 50; 1 Tm 1, 12-17; Lc 15, 1-32

Indicazioni Liturgiche

Dio è misericordia infinita verso il peccatore.

Il popolo ebreo, nel deserto, si allontana da Dio e costruisce un vitello d’oro.
Mosè, con la sua preghiera, intercede per il popolo, evitando così il castigo divino. La misericordia di dio è più grande del peccato umano.

I farisei e gli scribi reagiscono contro Gesù , che tratta bene i pubblicani e i peccatori. Gesù vuole però la loro conversione, va in cerca di chi è perso. Dio Padre rispetta la libertà degli uomini, permettendo che essi si allontanino da Lui. Quando poi ritornano con il pentimento, li accoglie con grande soddisfazione e misericordia, come il padre della parabola.

San Paolo, scrivendo al discepolo Timoteo, si riconosce peccatore, ma è stato chiamato ugualmente all’apostolato da Cristo.

In questa Domenica, fortemente caratterizzata dal tema della misericordia, dovrebbe risultare facile realizzare una ambientazione consona: i testi dei canti sono abbondanti, l’icona del ritorno del figlio minore di Rembrandt è assai diffusa, le suggestioni della Quaresima dell’anno C (in cui il tema della misericordia era preponderante) possono ispirare il clima di questa Liturgia.

Nella settimana che precede o in quella che segue questa Domenica, potrebbe essere utile ritrovarsi per la celebrazione comunitaria del Sacramento della Riconciliazione (con confessione e assoluzione individuale). Specialmente laddove questa forma ordinaria è del tutto estranea, potrebbe essere il momento opportuno per scoprirla, spiegando accuratamente la duplice dimensione (personale e comunitaria) del peccato. I convocati a questo appuntamento potrebbero essere, in modo davvero particolare, gli operatori pastorali all’inizio di un nuovo anno.

PROPOSTA CANTI

Introito

– Ascolta Signore (Tempo di grazia)

– Il tuo amore, Signore (Nella casa del Padre)

– Come un padre (Nella casa del Padre)

Presentazione dei doni

– Come incenso (Cristo ieri oggi sempre)

– Se tu mi accogli (Rep. Naz. Canti Liturgici)

Comunione

– Padre ho peccato (O Croce nostra speranza)

– Gustate e vedete (Pane di vita nuova)

– Il Signore è il mio pastore (Nella casa del Padre)

Finale

– Guidami (Parla Signore)

– Strade vuote (Nella casa del Padre)

Questo post è stato letto 911 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *