XXV Domenica T.O – Anno C

Questo post è stato letto 1300 volte

LETTURE: Am 8, 4-7; Sal 112; 1 Tm 2, 1-8; Lc 16, 1-13

Indicazioni Liturgiche

Non bisogna fare facili compromessi con il denaro, non si può affezionarsi ad esso e servire il Signore.

Amos, riferisce la prima lettura, ha parole molto dure contro i fraudolenti e gli sfruttatori, che ingiustamente ricercano i propri interessi economici, idolatrando il denaro e vivendo solo per esso.

Il fattore della parabola evangelica è lodato non perché ingiusto, ma perché dotato di scaltrezza. Il senso del discorso di Gesù è questo: l’uomo deve usare i beni materiali come mezzi, per essere accolto in Paradiso, fare del bene, realizzare la volontà di Dio nell’amministrare i soldi, i beni, le cose, non credersene proprietario assoluto.

S. Paolo, per parte sua, esorta a pregare per tutti, perché è la volontà di Dio che tutti si salvino. Gesù è l’unico mediatore sacrificatosi per tutti. Ecco perché è importate pregare e volersi bene.

La croce o una icona di Cristo possono mettere in evidenza l’autentico antagonista ai beni di questo mondo, soprattutto quando sono acquistati iniquamente.

Quale autentico e fattivo segno di conversione, questa potrebbe essere la Domenica in cui attivare una speciale colletta destinata a una precisa opera di solidarietà (per esempio: fondi contro l’usura o in favore di situazioni particolarmente bisognose); nulla vieta che la Parola di questa Domenica si riveli lo stimolo e l’occasione opportuna per affrontare tali argomenti con un dibattito extra-liturgico.

PROPOSTA CANTI

Introito

– Popoli tutti (Noi tuo popolo)

– Cielo nuovo (Rep. Naz. Canti Liturgici)

Presentazione dei doni

– Se qualcuno ha dei beni (Sei grande nell’amore)

– La carità (Signore ti sei commosso)

Comunione

– Tu sei (Esultiamo nel Signore)

– Gustate e vedete (Pane di vita nuova)

– Beati voi (Alleluia, fratelli!)

Finale

– Passa questo mondo (Rep. Naz. Canti Liturgici)

– Per sentieri di pace (Come figli di un unico Padre)

Questo post è stato letto 1300 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *