XII Domenica T.O – Anno A

Questo post è stato letto 2059 volte

XII Domenica T.O – Anno A

LETTURE: Ger 20, 10-13; Sal 68; Rm 5,12-15; Mt 10,26-33


Indicazioni Liturgiche

Le letture di oggi, parlando di persecuzione e di testimonianza fedele, sviluppano un aspetto centrale del Mistero pasquale. All’ingresso, alla presentazione dei doni e alla comunione soprattutto, potremmo recuperare qualche canto tipico della passione/croce per inserire un richiamo esplicito alla vicenda di Gesù che diventa anche la sorte del discepolo che non rinnega il Maestro. Infatti, quello che il martire cerca non è la morte, ma la conformità al suo Signore che antepone a ogni altra esigenza; egli chiede solo di poter vivere in fedeltà a Cristo e alla sua parola, come tralcio unito alla vite, perché sa che lontano dal Risorto la sua stessa vita è perduta.

Nel Vangelo è detto «voi valete più di molti passeri…». Si metta in evidenza la dignità dell’assemblea popolo di Dio per il valore che ha davanti al Padre attraverso l’accoglienza serena e coinvolgente e l’incensazione dell’assemblea stessa alla presentazione dei doni.

Oggi per indicare meglio la nostra partecipazione alla missione del Messia e anche al suo destino di persecuzione e di morte, ma anche di risurrezione e di vita, sembra opportuno distribuire la comunione sotto le due specie (qualora già non lo si facesse “ordinariamente” almeno nell’Eucaristia domenicale e festiva).

E’ perentorio ricordare che il Tempo Ordinario che stiamo vivendo non è un tempo liturgico meno “importante” degli altri! E’ il tempo dello Spirito che opera in noi e ci fa Chiesa, Corpo mistico di Cristo. Pertanto, la Liturgia domenicale non perda assolutamente il suo tono solenne e festoso. Non si favoriscano sconti, riduzioni… perché celebrare bene e nella bellezza aiuta, sempre e comunque, noi e la nostra gente a vivere meglio l’esperienza della vita quotidiana e della missione. Non si trascuri mai almeno il canto della Grande Dossologia, della Dossologia al termine della Prece Eucaristia, l’uso dell’incenso.

PROPOSTA CANTI

Introito

– Chiesa che annuncia (Chiesa che annuncia)

– Come figli (Come figli di un unico Padre) 

– Noi canteremo gloria a te, str. 1-3, 7-8 (Nella casa del Padre)

– Te lodiamo, Trinità (Nella casa del Padre)

– Tutta la terra canti a Dio (Nella casa del Padre)

 

 

Presentazione dei doni

– Come incenso (Cristo ieri oggi sempre)

– Ecco, Signore (Sei Dio con noi)

 

 

Comunione

– Oltre la memoria (Nella casa del Padre)

– Alzerò i miei occhi (Tu sarai profeta)

– Signore Gesù (G. Cento)

 

 

Finale

– Io sarò con te (Noi tuo popolo)

– Nomadi del Signore (Ti ho incontrato)

Questo post è stato letto 2059 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *