Contatore accessi gratis

IV Domenica di Quaresima – Anno B – Laetare

Questo post è stato letto 1979 volte

 

LETTURE: 2 Cr 36,14-16.19-23; Sal 136; Ef 2,4-10; Gv 3,14-21

 

La IV Domenica di Quaresima segna il centro del cammino penitenziale in preparazione alla Pasqua; la tradizione della Chiesa l’ha denominata Laetare = Rallegrati, dalla prima parola latina dell’antifona d’ingresso, che è un invito alla gioia. Si possono adoperare oggi i paramenti rosacei e porre presso l’altare un sobrio addobbo floreale.

I canti dovranno sottolineare la condizione del peccato come causa del­la rottura dell’Alleanza e l’impegno di ritorno al Signore.

PROPOSTA CANTI:

Introito

– Rallegrati, Gerusalemme (Domeniche di Quaresima/A)

– Rallegrati, o Sion (Domeniche di Quaresima/A)

– Gerusalemme (Nella casa del Padre)

 

Presentazione dei doni

– Sui fiumi di Babilonia (Tu sarai profeta)

– Benedici il Signore (Benedici il Signore)

– Come incenso (Cristo ieri oggi sempre)

 

Comunione

– Cristo nostro Signore (O Fonte della Luce)

– Dio carità (Tu sei il Cristo)

– Dio ha tanto amato il mondo (Guidati nel deserto)

 

Finale

 O Cristo, tu regnerai (Nella casa del Padre)

– In te la nostra gloria (Rep. Naz. Canti Liturgici)

Questo post è stato letto 1979 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Tempo di preghiera ha detto:

    Caro Enzo, grazie per il tuo interesse al nostro lavoro.
    Riguardo l’osservazione sull’utilizzo dei canti per i vari momenti liturgici in cui utilizzarli, noi indichiamo i tre momenti principali e cioè: Introito (o ingresso del celebrante), presentazione dei doni (o processione offertoriale), comunione e canto finale (che durante la Quaresima può essere omesso).
    Ci sembra che sia chiaro lo schema, ma vedremo di renderlo ancora più chiaro.
    Ti ringraziamo per i tuoi preziosi consigli e per la ulteriore riflessione che hai voluto condividere con tutti noi.
    Buon cammino Quaresimale.

  2. enzo carbone ha detto:

    Ringrazio per l’offerta e la proposta che migliorerei aggiungendo l’indicazione che suggerisce in quale momento della messa il canto è più appropriato cantarlo. Per alcuni è chiaro dal testo per altri vige l’incertezza perché possono andare bene sia alla comunione che all’offertorio dipende dal periodo liturgico e da cosa dice la PAROLA. Comunque grazie.
    Riguardo all’articolo posso condividerlo aggiungendo che possiamo intraprendere questo viaggio che già è iniziato con la nostra nascita cristiana, confermata da me alla cresima, con il sostegno del Suo amore che ci accompagna ogni momento della nostra vita e non per nostro volere ma per Sua intercessione di grazia nel nostro tempo per redimerci dal peccato e comprendere che siamo le membra del Cristo. Ecco perché ciò che noi cristiani celebriamo nell’azione liturgica non è un semplice ricordo di un avvenimento passato, ma la attualizzazione di un atto salvifico che continua a influire anche ora sulle membra del corpo di Cristo. Nella celebrazione liturgica non si ha dunque solamente un ricordo, ma anche una presenza; come pure una anticipazione del ritorno di Cristo: il che significa che, nel medesimo tempo, noi aspettiamo questo ritorno e, partecipando alla pasqua del Signore, noi contribuiamo alla sua venuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *