Commemorazione di tutti i fedeli defunti – Anno A

Questo post è stato letto 2003 volte

Indicazioni Liturgiche

Si iniziò a celebrare la Commemorazione di tutti i fedeli defunti, anche a Roma, dal sec. XIV.

Fino a quando il Signore Gesù verrà nella gloria, e distrutta la morte gli saranno sottomesse tutte le cose, alcuni suoi discepoli sono pellegrini sulla terra, altri che sono passati da questa vita stanno purificandosi, altri infine godono della gloria contemplando Dio.

Tutti però comunichiamo nella stessa carità di Dio. L’unione quindi di coloro che sono in cammino con i fratelli morti non è minimamente spezzata, anzi è conservata dalla comunione dei beni spirituali (cfr Conc. Vat. II, Costituzione dommatica sulla Chiesa, «Lumen gentium», 49).

La Chiesa fin dai primi tempi ha coltivato con grande pietà la memoria dei defunti e ha offerto per loro i suoi suffragi (ibidem, 50). Nei riti funebri la Chiesa celebra con fede il mistero pasquale, nella certezza che quanti sono diventati con il Battesimo membri del Cristo crocifisso e risorto, attraverso la morte, passano con lui alla vita senza fine. (Cfr Rito delle esequie, 1).

PROPOSTA CANTI

Anche quando il 2 novembre è domenica, si celebra
la Commemorazione di tutti fedeli defunti.

I MESSA


LETTURE: Gb 19,1.23-27a; Sal 26; Rm 5,5-11; Gv 6,37-40

INTROITO

 – Il Signore è mia luce (Signore è il suo nome)

PRESENTAZIONE DEI DONI

– Padre della luce (Il tuo volto noi cerchiamo)

COMUNIONE

– Tu sei, Signore, il Padre della vita

– Diremo la tua gloria

FINALE

– La mia vita è Cristo (La vita risorge)


II MESSA


LETTURE: Is 25,6a.7-9; Sal 25; Rm 8,14-23; Mt 25,31-46

INTROITO

– Io credo, risorgerò

– Nella sera della vita

PRESENTAZIONE DEI DONI

– Ti seguirò

– O Dio dell’universo

COMUNIONE

– L’avete fatto a me (C’è ancora amore)

– Il giudizio (Con la forza dell’amore)

– Venite, benedetti del Padre mio

FINALE

– Noi veglieremo

 


III MESSA


LETTURE: Sap 3,1-9; Sal 41; Ap 21,15a.6b-7, Mt 5,1-12a

INTROITO

– Gloria a te, Parola vivente (Parla Signore)

– Come cervo alla sorgente (Sei Dio con noi)

PRESENTAZIONE DEI DONI

– Ti seguirò

COMUNIONE

– Beato chi mangia il tuo pane (Alla Cena del Signore)

– Beatitudini (Benedici il Signore)

– Come la cerva (Non si dolo pane)

FINALE

– Io con te (C’è ancora Amore)

– Camminerò verso la fonte (Tempo di grazia)

Questo post è stato letto 2003 volte

Tempo di preghiera

La preghiera è un cammino che ci porta verso Dio. E' un percorso impegnativo che, a volte, sembra essere superiore alle nostre forze e capacità. Ma con il Suo aiuto possiamo cercare di intraprendere questo viaggio con il sostegno della Chiesa, coi suoi Sacramenti e con i nostri fratelli. Buona preghiera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *